Rassegna della domenica

  • Sì, no, anzi: probabilmente [Domenica, Il Sole 24 Ore]
    Sondaggisti, scommettitori, rabdomanti. Parliamoci chiaro: siamo un paese che maneggia con fiducia le nozioni di “probabilità”, “possibilità” e “statistica” senza manco una sfogliata rapida al libretto d’istruzioni. Stiamo ancora lì a spiegarla con l’esempio del dado (sbagliando). Carlo Rovelli – fisico e filosofo della scienza – ha scritto un pezzo che c’entra molto con lo stato della nostra istruzione, con i pregiudizi collettivi, con l’uso inappropriato e fuorviante del linguaggio scientifico (anche da parte dei media). Sai che? C’entra molto con tutto.
  • La dittatura del «carino» [La Lettura, Corriere della Sera]
    Guido Vitiello parla di “timore reverenziale” verso le grandi categorie estetiche del passato (“bello” e “sublime”). Troppo buono. “Carino” è l’indizio di una catastrofe linguistica in atto, c’è poco da scherzare. Insieme a “interessante” è l’aggettivo che più di tutti testimonia la penuria lessicale e la pigrizia mentale dei nostri tempi. Ed è letale, come ogni parola jolly che riempiamo di un qualsiasi senso a piacere, perfino il contrario di se stessa (carino = non carino). Vitiello fa il triste punto della situazione, a partire dal libro Our Aesthetic Categories: Zany (“bizzarro”), Cute, Interesting di Sianne Ngai, anglista dell’Università di Stanford.
  • Le tante versioni del populismo [La Lettura, Corriere della Sera]
    È uno degli aspetti collaterali più tediosi della crescita del populismo: la crescita del dibattito sul populismo. E siccome lo tiriamo in ballo di continuo – e a volte un po’ a capocchia – oggi Giovanni Belardelli (docente di Storia delle dottrine politiche all’Università di Perugia) fornisce un utile bignamino sulla storia del populismo: “armato in Russia, rurale negli Usa, ma solo con Perón diventò un regime”. Nella stessa pagina dell’inserto e sullo stesso tema, Dario Di Vico intervista Yves Mény, studioso francese di scienze politiche (e autore del volume «Populismo e democrazia»), che però stavolta non dice niente di nuovo.
  • E se vincesse ancora Berlusconi? [La Stampa]
    Come da titolo: un esercizio apocalittico domenicale di Luca Ricolfi. Pare che negli studi elettorali Berlusconi sia un caso interessante di effetto winner, ovvero “ti dico ora che voto A ma so già che voterò B” (peraltro empiricamente indistinguibile dall’effetto “no, in verità ho cambiato idea all’ultimo”). In un certo senso, Ricolfi riformula e articola con argomenti seri questa vecchia domanda da bar che ci ripetiamo da anni: com’è che tutti dicono io-non-l’ho-votato ma poi è sempre lì?

Ultima segnalazione. Dato che tra cinque settimane si vota (che a dirla così sembra domani), anche il gruppo dell’inserto culturale del Sole 24 Ore non rinuncia al noto esercizio dei grandi quotidiani nazionali: le domande al candidato premier. Sono cinque e riguardano cultura ricerca e istruzione, l’aspetto più trascurato non solo da tutti i governi recenti ma anche dall’ultimissimo, quello chiamato un anno fa a metterci una pezza. Non c’erano risorse, dice. E neanche molto coraggio, forse.

Di tutte le domande soltanto la terza solleva una questione specifica, su cui il gruppo del Sole porta avanti una battaglia da anni: l’insegnamento obbligatorio della musica nelle scuole di ogni ordine. D’accordo tutta la vita. Non la clavietta suonata a orecchio: la musica.

Un pensiero riguardo “Rassegna della domenica

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...